Camminando

camminando

Oggi,camminando per le viette strette della mia città,pensavo a quanto sono fortunata.

I muri,gli angoli quasi sconosciuti , hanno la capacità di riportarmi indietro negli anni:farmi vivere per qualche istante nell’atmosfera del secolo passato,farmi provare emozioni che forse non siamo piu’ neppure in grado di riconoscere,alzare gli occhi e trovare una immagine sacra,davanti alla quale chissà quante persone si sono recate  a pregare,come fosse una chiesa a cielo aperto.

Oggi nessuno ci fa piu’ caso.

Eppure è importante ritrovare il senso di queste cose.

Camminando  pregavo e mi sembrava quasi di volare.

*

Annunci

4 thoughts on “Camminando”

  1. la città pensata per le genti non è altro che un armonioso insieme di dettagli……l'insieme puoi capiorlo solo osservando la successione dei particolari come se fosse uno spartito musicale.Il loggione perdona una "stecca", ne tollera due, protesta alla terza……..dopo diventa intollerante e l'evento musicale, per il popolo del loggione, non è più "musica" e perde la sua funzione evocativa.Alcune città sanno essere musica…….percorrendole diventa naturale evocare la loro e la nostra storia.Un saluto, Stefano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...