piccola storia triste di un martin pescatore

mrtin-pescatore-copia1

Questa è una piccola storia di un Martin pescatore che se ne andava felice per i cieli cercando acqua e  cibo.

Improvvisamente, mentre volava sereno, senza neppure rendersi conto, sbattè contro una vetrata a specchio di una cascina.

Cadde subito morto,con ancora negli occhi e nel cuore la felicità della libertà del suo volo.

Io lo trovai cosi’ ,a terra .Gli occhi aperti,sembravano riflettere il cielo.

Un bellissimo batufolo colorato,con un becco lunghissimo.

No,non avrei mai voluto uccidere quel povero uccellino… in quel momento mi sentii veramente in colpa.

Lo accarezzai e giuro che piansi.

Non sapendo cosa fare lo avvolsi in uno straccetto e lo portai con me in una stanza fredda,dove si ripongono le mele d’inverno.

Lo poggiai su un tavolone di legno,e continuai a guardarlo,quasi impietrita.

Guardavo i suoi piumaggi colorati bellissimi e cercavo di immaginare i suoi voli sull’acqua..sul greto del fiume ,che improvvisamente avevo involontariamente interrotto.

Non  avrei mai potuto dimenticare la sua picccola ,breve storia di Martin Pescatore sfortunato.

E cosi’,l’ho tenuto con me da allora.

Tutti i giorni lo guardo e gli chiedo scusa.

Annunci

9 thoughts on “piccola storia triste di un martin pescatore”

  1. ….a me accadde con un merlo, lo raccolsi stordito, lo portai in studio, lo accudi per un intero pomeriggio. Alla sera lo lasciai libero in studio pensando che il giorno seguente lo avrei tovato morto.Il merlo fu più fortunato del martin pescatore……al mattino mi aveva ridotto lo studio in condizioni pietose ( penne e cacca ovunque) ma non appena aprii le finestre se ne andò.Ne fui molto felice…..un abbraccio, Stefano.

  2. Stefano,Il tuo merlo è stato fortunato davvero..e credo che anch'io sarei stata felice…continuo con un po' di ironia…una volta è capitato anche a me un merlo…purtroppo anche lui è morto stecchito…non è che ho qualche problema coi volatili?

  3. Beh, io da bambina raccoglievo i passerotti caduti dal nido, pensando di salvarli, ma non mangiavano e morivano nella gabbietta…poi mi hanno detto che basta lasciarli liberi su di un posto in alto, la loro mamma torna a riprenderseli e ad un voletto per volta li aiuta a tornare nel nido: l'ho visto con i miei occhi, è proprio così.Una volta qui da noi è entrato un rondone, ma siamo riusciti a salvarlo dalle grinfie del criceto (tanti anni fa)e lo abbiamo lasciato libero. Un'altra volta ancora s'è impigliato nella tenda un bel pipistrellone: se l'è cavata pure lui. Quanto al tuo martin pescatore sfortunato…anch'io avrei fatto come te: lo avrei tenuto con me. Un abbraccio. Non credo che sia tu ad avere problemi coi volatili…ehm, forse è vero il contrario? 🙂

  4. …..avevo un cane di nome Kira di animo dolce e gentile, una volta vide un merlo caduto da un nido…..lo raccolse delicatamente e me lo portò senza provocargli alcun danno. Lo presi fra le mani e lo posai su di un ramo per sottrarlo ad altri rischi……non conosco il suo destino ma l'episodio ebbe un seguito strano.Da quella volta Kira si mise a fare strage di merli…….e faceva la "cacca con la penna" !!!Che cosa si aspettava Kira da me ? Non sono mai riuscito a capirlo.Stefano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...