“Lascia tutto e seguiti” Battiato.

Post che ho scritto qualche mese fa…ma molto attuale.

Riflettevo  su queste tre parole.
E’ da due mesi che rifletto ,anzi mi rifletto.
Cerco di recuperarmi. Di ritrovarmi.
Gli ultimi tre anni dellla mia vita è come se non l’avessi vissuta. Come se mi fossi estraneata da me stessa.
Non ce l’avrei fatta se non mi fossi dimenticata di me.
Credevo che fosse una cosa naturale. Che sarebbe satato facile, una volta completato il ciclo delle cose ,recuperare il tempo.
Ma non è facile.
In questi giorni,due mesi,pochissimi,sto cercando di recuperare le mie radici.
Mille volte ho detto qui che io mi sentivo come un albero.
Mi sono distratta e ho lasciato che le mie radici piano piano seccassero.
E’ come se avessi interrotto la vita dentro di me.
Forse non avrei potuto fare diversamente.
Non tutti possono capire,l’ho già sperimentato.
Qualcuno mi dice … l’hai voluto tu.
Non è tutto cosi’ negativo pero’.Rinascere  veramente  è ripartire dopo un’ esperienza veramente difficile.
Intanto la vita è continuata normalmente attorno a me e mi sono ritrovata in un mondo nuovo ,come catapultata dalla luna alla terra.
Sulla Luna ho lasciato i miei genitori e quella bambina che vedete in alto.
Sulla Terra ci sono io, seplicemente una donna .
Se potessi essere una pianta, vorrei essere una pianta di rose.
Cerchero’ di curare al meglio le mie radici poichè so che posso ancora fare bellissimi fiori.
Per il momento girovago e mi guardo attorno.

Annunci

7 thoughts on ““Lascia tutto e seguiti” Battiato.”

  1. Eppure in qualcosa delle tue parole, sento di rispecchiarmi.Forse le radici si sono mantenute in me, ma manca ancora tutto il resto.E dovrò anch'io ricostruire, forse partendo proprio dalle radici.Bella, anzi bellissima quella pianta di rose e quel colore.Ce la farai, cara Anna Laura, te lo auguro di cuore!Un abbraccio,Lara

  2. Ti capisco benissimo perchè sono nella tua stessa situazione, lentamente,perchè riprendere i contatti con se stessi dopo esperienze che annientano e ci lasciano senza confini è difficile, a momenti, troppo difficile. Risollevi la testa e lo sguardo si perde. La mia ‘ casa’ interiore va arredata di nuovo, riadattati gli spazi, qui il lavoro è complicato e allora ho iniziato dal piccolo giardino e mi sono comprata una rosa rampicante e indovina, è proprio come la tua, gialla.
    Buon cammino a tutte e due.

  3. Ciao Adele,
    non posso dire di essere ancora come un anno fa.Il tempo un poco ha mitigato le mie sofferenze e soprattutto sta allontanando i ricordi piu’ duri.Alcune immagini mi sono rimastate tatuate nel cuore e spesso ritornano come non fosse passato neanche un minuto, ma cerco di essere forte.
    I fiori, la natura ,dedicarmi alla loro cura, mi aiuta molto.Anche una rosa rampicante puo’ fare molto di piu’ magari di un viaggio e di tante distrazioni. Io trovo che quelle piccole soddisfazioni giornaliere che mi donano dovute anche alla mia costanza siano la chiave per lasciare che il tempo passi senza che ci logori ulteriormente , anzi ci fortifichi.
    Buon cammino e a presto!!

    1. Si’ è vero…ma è anche tanto difficile farlo .E’ davvero un po’ come remare controcorrente ,ci vuole tanta forzanelle braccia e nel cuore.Un caro saluto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...