Brumes de Matin

Nadia Sibirskaïa - Ménilmontant (1925) look

Brumes de Matin

la mia pelle
le mie mani
il mio cuore…
tu
dovresti farmi
morire
perchè
io possa
tornare
a
vivere

Annunci

Sempre e per sempre…

4736180407_66006268a5

Carissimi mamma e papà,
continuo a pensarvi come se foste sempre qui accanto a me. Dalla scrivania da dove sto scrivendo ora sento la vostra presenza,come se proprio in questo momento  foste seduti accanto a me ,mano nella mano.
Spesso papà ti lamentavi delle mie peregrinazioni sul Web.Credevi fosse  una specie di vizio, una fissazione.
Ed un po’ forse lo è,ma non so come sarei sopravvisuta senza questo schermo bianco che cercavo di riempire delle mie emozioni, delle mie preoccupazioni, delle mie ansie.
Tutto veniva fuori come quando uno zampillo di acqua sorgiva trova spazio tra gli anfratti delle rocce.
Molte altre attività avrei potuto intraprendere ,ma la vita  mi ha forse  suggerito la scrittura   perchè potessi ritrovare me stessa e  scoprire cosi’  attitudini che fino ad ora non sapevo neppure di avere.
Non è difficile inventarsi o reinventarsi .   E’  stato cosi’ naturale per me scrivere e creare  emozioni colorate dalle fotografie che catturavo  nei pochissimi istanti in cui  mi era possibile!
Ed ora continuo non con poche soddisfazioni.
Certo non mi sono fermata e continuo a studiare delle tecniche che possano sempre piu’ aiutarmi ad esprimermi ed esternare tutta la mia sensibilità verso la natura,i fiori , gli animali ,il fiume  i colori.
Non ci credo quasi che sia potuta avvenire una svolta cosi’ importante nella mia vita.
Ci credo, ed è per questo che continuo …sempre sentendo la vostra presenza accanto a  me.

Il viaggio continua

po-121.jpg

 

E cosi’ è finito il capitolo Verona.
Tutto è andato anche meglio di cio’ che mi aspettassi.
Ora non si volta pagina , ma si continua  il cammino.
La ricerca di me stessa è il viaggio che io in questo momento prefrisco fare.
Ieri amici mi hanno chiesto se non sia l’ora di mettere i remi in barca,di dedicarmi a cose leggere.
Viaggiare ad esempio e smettere di voler dimostrare qualcosa . Magari anche solo a me stessa.
In quel preciso istante,mentre rispondevo , forse anche a una domanda  un po’provocatoria, ho capito che il viaggio che io preferisco è qello che ho nella testa.
E continuero’ la mia piccola esistenza cercando il mio mondo e la realizzazione della mia vita cosi’ come ho fatto fino ad ora.
Esprimermi attraverso le immagini,le parole  i colori,la natura e affrontare il cammino lasciando qualche sassolino  lungo la strada che percorro per alleggerirmi le tasche e anche per lasciare le tracce del mio passaggio come fosse un filo d’arianna.

Il video

« Non sono niente.

Non sarò mai niente.
Non posso volere essere niente.
A parte questo, ho in me tutti i sogni del mondo. »

Fernando Pessoa

 

Il mio sogno è qui…

E la poesia che meglio descrive cio’ che provo:

BASTA UN MINUTO

Basta un minuto
e tutto cambia
Basta un minuto
e tutto si scioglie
come neve al sole
Basta un minuto
e il silenzio soffoca
Basta un minuto
e devi ricominciare
Basta un minuto
e vorresti piangere
Basta un minuto….
e in quel minuto ritrovi te stesso
con tutta la tua vita in mano.