Nel cielo di cenere affonda il giorno dentro l’onda

 

Nel cielo di cenere affonda
il giorno dentro l’onda
sull’orlo della sera
temo sparirmi anch’io nell’ombra
la notte che viene è un’orchestra
di lucciole e ginestra
tra echi di brindisi e fuochi
vedovo di te
sempre solo sempre a parte abbandonato
quanto più mi allontano lei ritorna
nella pena di una morna

E sull’amore che sento soffia caldo un lamento
e viene dal buio e dal mar
e quant’è grande la notte e il pensiero tuo dentro
nascosto nel buio e nel mar
grido non più
immaginare ancor
tanto qui c’è soltanto vento
e parole di altrove

Il vento della sera sarà
che bagna e poi s’asciuga
e labbra che ricordano e voce
e carne che si scuote sarà
sarà l’assenza che m’innamora
come m’innamorò
tristezza che non viene da sola
e non viene da ora
ma si nutre e si copre dei giorni
passati in malaora
quando è sprecata la vita
una volta
è sprecata in ogni dove

E sull’amore che sento soffia caldo un lamento
e viene dal buio e dal mar
e quant’è grande la notte e il pensiero tuo dentro
nascosto nel buio e nel mar
grido non più
immaginare ancor
quel che tanto è soltanto
vento e rimpianto di allora

Il vento della sera sarà
che bagna e poi s’asciuga
e ancora musica e sorriso sarà
e cuore che non tace
la schiuma dei miei giorni sarà
che si gonfia e poi si spuma
sarà l’anima che torna
nella festa di una morna

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...