SAM_1212

 

Grazie di cuore a tutti coloro che sono venuti ieri alla Cupola Arnaboldi.Mi ha fatto un immenso piacere ricevere visite di persone che già conoscevo e anche da chi non avevo ancora conosciuto se non sul Web.
E’ stata una piacevolissima sorpresa anche scoprire che le mie poesie hanno toccato il cuore di alcune persone.
Forse è stata la sorpresa piu’ bella.
Grazie a tutti.

 

Presentazione della giornata di ieri e informale carrellata di cio’ che mi ha riempito il cuore e la mia anima in questi ultimi cinque anni.
Grazie a tutti voi e anche un po’ a me ,quella me che dentro mi incita a non mollare e che in pochi conoscono.

 

https://dianebonjourartstudio.com/2017/05/01/1209/

Annunci

Ritorno al passato

A volte ritorno al passato. Specialmente di notte.Vado a rileggere cose scritte da me un secolo fa…e ritrovo una parte di me che quasi avevo dimenticato.Quella che nelle sue trasformazioni mi ha portato ad essere cio’ che sono.Mi rendo conto degli innumerevoli passi che ho fatto,dei cambiamenti che ho ricercato con la testardaggine della speranza.La mia locomotiva e’in viaggio non so per quale stazione , ma il futuro non e’dato saperlo.
Cosi vivo giorno per giorno con la consapevolezza del viandante quando sa che la strada da percorrere e’ ancora tutta da inventare.

SAM_6700

Mettiamo dei fiori nei nostri cannoni

Bansky-Flower-Brick-Thrower. copia

182573_464547140282326_1331810455_n

215255_464543283616045_1537206870_n

METTIAMO DEI FIORI NEI NOSTRI CANNONI

Il tempo passa e la vita passa sopra di noi come una specie di schiacciasassi.
Si aprono nuovi orizzonti e nuove opportunità ,anche nel miscuglio di grandi contraddizioni in cui stiamo vivendo.
Aprirsi a nuove sfide e non avere paura.
In fondo non si cambia poi cosi’ tanto.
Già in anni addietro camminavo con una Canon per catturare immagini e emozioni.
Oggi sono qui ,ancora, a catturare immagini e emozioni ancora sperando di cogliere l’attimo piu’ bello di sempre e mi guardo attorno, anche nel silenzio e a volte nella solitudine perchè nulla arriva a noi gratuitamente ,e sorrido perchè sono sicura di non essere sola ,nonostante tutto.
Mi accompagnano la forza e la tenacia che mi dona la mia Fede.
Un giorno ,sono certa, vedremo sparare fiori dai cannoni ed io saro’ là a fotografare quel momento perchè sarà il piu’ bello di tutti.
In fondo sono anche rimasta una figlia dei fiori che non crede che la mia generazione abbia definitivamente perso.

 

All’improvviso una luce

 

san michele 3

All’improvviso una luce

All’mprovviso
il cielo si è illuminato
e una luce calda
mi ha trafitto il cuore.
Alzando gli occhi
ho puntato
l’obiettivo come se
dovessi afferrare l’attimo
e c’eri tu.

La settimana dei ricordi

 

 Nonno e nonna

8692994980_b1b56054b9_o

 Mamma e papà

8691873085_37a6dd148e_o

La settimana che è appena cominciata è quella in cui ,quasi inconsapevolemte, i ricordi riaffiorano e non si puo’ fare a meno di pensare a tutti i nostri cari.

E’ sempre stata una tradizione della mia famiglia quella di avere un particolare culto per i morti.
Io incominciai ad apprendere questo rito famigliare alla morte del nonno.
Soprattutto i primi anni dalla sua morte, che fu improvvisa per un infarto ,la mamma voleva andare al cimitero tutte le domeniche mattine.
Ci si alzava prestissimo , con noi viveva anche la nonna e una zietta senza figli, e tutte e quattro andavamo al cimitero.C he fosse estate o inverno . Con la nebbia ,il gelo , la neve o la pioggia. L’estate era leggermente piu’ piacevole.
La cosa piu’ curiosa era che mamma diceva ad alta voce il rosario ….e noi rispondevamo.
Come si fa in chiesa.
Certe volte non nascondo che il tutto mi sembrava eccessivo ,ma mamma era severa e non permetteva che bigiassi nemmeno una volta.
La cosa ando’ avanti per almeno due o tre anni.
Poi piano piano diminuirono le domeniche di passione , fino a che andammo normalmente io e mamma solo qualche volta al mese.
Questa mattina ci sono tornata da sola. Come faccio ormai da due anni.
Non sono cosi’ assidua come mamma, ma devo dire che mi sembra normale passare ogni tanto a salutare tutta la mia famiglia la sotto.
Sono emozioni che non si perdono con il tempo.
Nella macchina che uso tutti i giorni mi è rimasto lo scopino della mamma ,che le serviva per pulire la ghiaia tutta attorno al monumento, e l’innaffiatoio per i fiori.
Oggi ,ho ripetuto in parte il nostro vecchio rito, non ho detto tutto il rosario, ma pregavo mentre riordinavo la tomba.
Mi sono sentita serena ,e appena tornata a casa sono andata a cercare le fotografie dei miei cari,che qualche tempo fa avevo riposto in un album dei ricordi.
Mi è parso bello metterle in questo post.

Avevo una Canon Super 8

Il mio primo filmino con la Canon Super 8

Partire è la piu’ bella e coraggiosa di tutte le azioni..
ISRAELE
Filmato degli anni 70 ..non ricordo bene l’anno ma partii proprio poche ore dopo l’attentato all ‘Aereoporto Ben Gurion.
C’era sangue ovunque e tanti soldati, quando arrivai.
Poi qualcuno mi prese sottobraccio e mi porto’ via.
E’ li che è iniziato il mio viaggio, che non è mai realmente finito …

La storia di una vita inizia quasi sempre da un punto qualsiasi.Jung