Siesta

19679163_634257836769912_1288578762942198046_o

Acquarello

D.B.

 

Io vorrei stare sopra le tue labbra
per spegnermi alla neve dei tuoi denti.
Io vorrei stare dentro il tuo petto
per sciogliermi al tuo sangue.
Fra i tuoi capelli d’oro
vorrei eternamente sognare.

E che diventasse il tuo cuore
la tomba al mio che duole.
Che la tua carne fosse la mia carne,
che la mia fronte fosse la tua fronte.
Tutta l’anima mia vorrei che entrasse
nel tuo piccolo corpo.
Essere io il tuo pensiero, io
il tuo vestito bianco,
perché tu t’innamori
di me d’una passione così forte
che ti consumi cercandomi
senza trovarmi mai.
E perché tu il mio nome
vada gridando ai tramonti,
chiedendo di me all’acqua,
bevendo, triste, tutte le amarezze
che sulla strada ho lasciato,
desiderandoti, il cuore.
E intanto io penetrerò nel tuo
tenero corpo dolce
essendo io te stessa
e dimorando in te, donna, per sempre,
mentre tu ancora mi cerchi invano
da Oriente ad Occidente,
fin che alla fine saremo bruciati
dalla livida fiamma della morte.

Federico Garcia Lorca

Oggi è il tempo di studiare

cuertzswaaahqwu

Ricominciare. Significa anche sentirsi un po’ persi di fronte a nuove difficoltà . Oggi mi sono sentita cosi’ di fronte ai giri armonici . La musica è anche fatta di numeri,di schemi a cui si deve aggiungere il senso di una armonia interiore che scaturisce dall’assenza di ragionamento. Mettere assieme queste due cose. la razionalità e l’emotività oggi mi ha fatto sentire piccola piccola….quasi impaurita.Speriamo di farcela.
Ho imparato da ragazzina a leggere gli spartiti e suonare il pianoforte ..ma fare musica è molto altro.

Piccoli pasti…

12458880_933568190046883_1947844721_o

La cosa piu’ originale di questi ultimi tre anni e’ il fatto di non essere stata per niente immersa nei lavori domestici.Ricordo I Natali e tutte le feste in cui ci riunivamo a casa attorno al tavolo imbandito frutto di ore ed ore di lavoro da parte mia e fino a che ne ha avuto le forze dalla mia nonna materna.La cosa che mi stupiva sempre era la velocita’con cui si terminavano le varie portate.A fronte di 7 8 ore al massimo in un paio d’ore veniva spazzolato quasi tutto.Poi c‘erano le chiacchiere e le risate attorno al tavolo..si e’ vero ma io mi ritrovavo stanca morta con davanti ancora altre ore di lavoro per ripulire la cucina.
Ma ero felice di questo…intendiamoci bene.
Da circa quattro anni nn ho piu’incombenze di questo genere.
E’vero che nella vita alla fine tutto si equilibria. Anche durante le festivita’mi godo di una certa “liberta’.”
Faccio piccoli pasti..magari guardando la televisione, come oggi.
Avanzo di panettoncino farcito per una persona ,spremuta di n.2 arance e pezzettino di cioccolato 90 per cento.
Che goduria!!!