SAM_1212

 

Grazie di cuore a tutti coloro che sono venuti ieri alla Cupola Arnaboldi.Mi ha fatto un immenso piacere ricevere visite di persone che già conoscevo e anche da chi non avevo ancora conosciuto se non sul Web.
E’ stata una piacevolissima sorpresa anche scoprire che le mie poesie hanno toccato il cuore di alcune persone.
Forse è stata la sorpresa piu’ bella.
Grazie a tutti.

 

Presentazione della giornata di ieri e informale carrellata di cio’ che mi ha riempito il cuore e la mia anima in questi ultimi cinque anni.
Grazie a tutti voi e anche un po’ a me ,quella me che dentro mi incita a non mollare e che in pochi conoscono.

 

https://dianebonjourartstudio.com/2017/05/01/1209/

Annunci

Jeunesse

Due anni fa mi stavo preparando per la prima Mostra della Creatività di Verona.
Un avvenimento che mi fa piacere ricordare.
Il primo passo verso l’arte che mi ha fatto capire che nn si e’mai soli e sopratutto che si e’ sempre “vivi”fino a che dentro arde una fiammella…

 

 

Jeunesse

olio su tela

Misure 50×70

 

Diane Bonjour

cinquanta sfumature di grigio23

 

 

Ci sono Bambini e Bambini

Roberto Durkovic

Bravo musicista e compositore,che conosco personalmente
https://www.facebook.com/roberto.durkovic?fref=nf
scrive
Pochi bambini a 3 anni ti chiedono come regalo di compleanno un violino non così per il piccolo Davide e tanti piccoli rom che vedono nella musica gioia,passione,rispetto e nel futuro una fonte di guadagno .bravo Davide

10348651_10205001623141764_1506986192442732821_n

Questi sono I bambini che si, forse sono stati educati sulla strada,.ma mi chiedo…io che non ho figli..quale sarebbe stato il figlio che avrei voluto? Forse si, questo piccolo Rom dallo sguardo vivace..il cuore tenero e la mente lucida..tanto da pensare fin da piccolo che per vivere bisogna lavorare..e quale mestiere e’migliore di questo?

Marzo pazzerello

aeroplani-di-carta

 

 

Questo mese di marzo è davvero pazzerello.
Pioggia e caldo e …tanti pensieri nella testa che girano come aeroplanini
Tutti i semi e i bulbi che ho piantato sul balcone vorrebbero sbocciare.
Ma anche loro stentano a capire .
Siamo tutti quanti un po’ sconvolti dalle stagioni e da cio’ che ci gira attorno.
Non credo di capire bene  in che mondo siamo finiti.
Carissimi mamma e papà, penso davvero che non vi siate persi nulla.
Gli anni migliori li abbiamo vissuti ,ora sono rimasti solo i ricordi  e l’impossibilità
di tornare a quei tempi .
Non sono mai stati tempi facilissimi per noi.
Io li ricordo con serenità.
Ma non posso non pensare alla vita che oggi vivo e a quella che ci aspetta nel futuro.
E non ho delle buone previsioni.
Sono confusa e non credo di esserlo solo io.
I miei progetti continuano quasi da soli. Accadono cose che non avrei mai immaginato
e di questo sono felice ….

Libertà

cavallo

 

Il tempo passa e sempre piu’ riscopro me stessa.
La solitudine non è certo bella ,ma una cosa positiva ce l’ha : ti permette di vivere la tua vita senza ostacoli.
E’ come un cavallo al galoppo.
Tu cerchi di dominarlo con le briglie ,ma se vuole correre è meglio che tu lo lasci libero di correre.
Io immagino me stessa e la mia nuova vita come un cavallo che corre.
Trovarsi ogni giorni di fronte a se’ stessi ed ogni giorno decidere cosa sia meglio fare ,senza che nessuno possa interferire ,è cio’ che tutti definiscono “libertà”.
Ne ho sempre sentito parlare ma non sono mai stata di fatto libera.I miei genitori ,con tutto il rispetto e l’amore  che sento per loro,sono stati per me un grandissmo freno.
Comunque oggi posso dire che anche la libertà non è facile da gestire.
Occore conoscere molto bene se’ stessi ,avere una mente lucida,non essere particolarmente emotivi.
E’ come dover affrontare tutti i giorni una partita.
E non tutti i giorni sei vincente.

Afferma Isaiah Berlin:
«L’essenza della libertà è sempre consistita nella capacità di scegliere come si vuole scegliere e perché così si vuole, senza costrizioni o intimidazioni, senza che un sistema immenso ci inghiotta; e nel diritto di resistere, di essere impopolare, di schierarti per le tue convinzioni per il solo fatto che sono tue. La vera libertà è questa, e senza di essa non c’è mai libertà, di nessun genere, e nemmeno l’illusione di averla»

Io e te

Cari mamma e papà,

ma kira è li con voi?

Ecco è questo che mi chiedo sempre.

E certe volte non capisco .

Tanti perchè.erchè perchè gli dei dell’amore sono stati cattivi  con il nostro amore?

In un’altra vita ci andrà forse meglio.

Comunque in una giornata di sole  come questa non posso che pensare a Kira.

 

 

4501753371_81238f2992_z

L’ultimo caldo d’autunno

L’ultimo caldo d’autunno

SAM_1278

Oggi sento caldo.

C’è afa dalle mie parti.Pero’il cielo è leggermente offuscato.

Lo sappiamo, tra qualche giorno cominceranno le piogge,le giornate uggiose,la nebbia.

Ieri sono andate a comprare i colori ad olio.

Non so dipingere ,ma vorrei fare qualche ritocco ad olio sulle mie tele tratte dalle fotografie.

Ho comperato i colori base,qualche pennello,una spatolina e l’acqua ragia. Una piccolissima tavolozza.

Chissà cosa saro’ capace di fare. Sarà una scoperta anche per me.

C’è una cosa pero’,io già vedo davanti agli occhi cosa vorrei fare. Dei piccoli ritocchi di colore per rendere vive le immagini che creo.

Penso che l’autunno, nonostante tutto sarà interessante.

Ps. vedo tutto come se fosse in un sogno.Non realizzo che sia realtà.

Forse vivo in una città immaginaria,in un mondo inesistente…ed io sono ancora viva???

 

In ogni cosa ho voglia di arrivare sino alla sostanza.

In ogni cosa ho voglia di arrivare sino alla sostanza.

Nel lavoro, cercando la mia strada, nel tumulto del cuore, sino all’essenza dei giorni passati,

sino alla loro ragione, sino ai motivi, sino alle radici, sino al midollo.
Eternamente aggrappandomi al filo dei destini, degli avvenimenti,
sentire, amare, vivere, pensare, effettuare scoperte.

Boris Pasternak

2_picasso

Cari mamma e papà,
sto pensando tanto in questi giorni.Devo prendere decisioni importanti.In tutte le cose come al solito ci sono i pro e i contro.
E di solito focalizzo i contro. Sembrerebbe un approccio pessimistico alla realtà ,ma purtroppo ho imparato ,nel tempo, a valutare prima le negatività.
Sto parlando del lavoro che desidero fare.
L’aiuto che mi sta arrivando dalle docenti della facoltà di Economia è davvero costrutttivo ed è servito appunto a focalizzare meglio l’oggetto del mio progetto.
L’analisi che i docenti fanno di un’azienda in partenza dal nulla è molto approfondito.
Si studiano i mercati,gli eventiuali utenti, e l’impatto che tutto cio’ potrebbe avere.
Naturalmente le definizioni tecniche sono diverse.Hanno nomi altisonanti quasi sempre scritti in inglese.
Sono sicura che sulla carta questo progetto sarà impeccabile.Ma ho dei dubbi se analizzo il tutto in termini pratici.
Io sono abituata a cominciare nuove avventure.Ben tre volte ho ricominciato tutto da capo.
Questi non sono tempi in cui ci si puo’ improvvisare,lo so.
Per questo credo che dovro’ riflettere molto sulla realizzazione del mio progetto e il come.
Io sono propensa a cominciare a piccoli passi.
Loro vogliono pianificare e partire alla grande, altrimenti,dicono ,non c’è motivazione economica.
Ma sta proprio qui la differenza tra gli studiosi e gli imprenditori.
Noi sappiamo assumerci i nostri richi adattandoli alle nostre capacità e a quel famoso passo che non deve essere piu’ lungo della gamba.
Loro non vogliono prendono in considerazione il rischio.
E’ per questo che in genere nessuno piu’ sostiene le piccole aziende ed i piccoli imprenditori.
Cominciare sapendo che le onde sono alte e potresti affogare sembra che sia un errore da evitare assolutamente.
E anch’io chredo che non si debba fare.
Vedro’ …ci pensero’ bene…e alla fine si vedrà cio’ che succederà.

Don’t worry…be happy

Cari mamma e papà,
dovrei essere contenta in questi giorni.Non contenta ,di piu.
Ma non riesco ad esserlo. Avrei voluto che voi foste qui con me per poter raccogliere insieme a voi i frutti dei tantissimi semi che ho seminato nel corso della mia esistenza.
Io non sono stata mai con le mani in mano  e cosi’ dopo che voi ve ne siete andati ,ho conciato a darmi da fare per riucominciare da capo anche in campo lavorativo.
Non mi sembrava giusto non fare piu’ nulla e passare le mie giornate in modo quasi inconcludente.
Passeggiatine, chicchieratine con le amiche,qualche film,qualche cenetta in compagnia.
Dentro di me mi sono sempre detta che sentivo di avere ancora molto da dare anche se non sempre è stato facile trovare la determinazione e la tenacia per perseguire il mio obiettivo.
Certo non ho mai cercato un posto come dipendente.Impossibile trovarlo dopo gli anta e qualcuno di piu’.
Volevo fare qualcosa di utile,che potesse andare a favore anche di persone che hanno raggiunto una certa età, e che , come è capitato tante volte anche a voi non sapevano come districarsi,tra i medici, le ricette,le telefonate a vuoto e la mancanza molto spesso di umanità in quei luoghi dove invece ci vorrebbe solo quella.
Ho frequenatato un corso di Assistente di studio Medico e poi ecco ancora difficoltà.
Far partire una nuova attività anche in proprio in questo campo è davvero molto difficile.
Avevo un progetto ,ma non ricevevo risposte. Solo applausi per la mia iniaziativa, qualche promessa e po il silenzio.
Molti mi suggerivano di non farmi troppe illusioni. Altri mi consigliavano soluzioni diverse. Ma percepivo che nessuno avrebbe dato un centesimo per questa mia idea, che invece mi sembrava valida.
Avevo ormai messo quasi tutte le mie speranze nel casseto anche se, non ho mai davvero deoposto le armi.
Un giorno di qualche mese fa ho partecipato ad un convegno presso la facoltà di economia e commercio dedicato a coloro che erano interessati a cominciare una nuova attività e che cercavano un sostegno ,non tanto economico,quanto professionale.
E cosi’ ecco che il miracolo è avvenuto.
Tra tanti progetti ,il mio è stato scelto e saro’ affiancata da una Docente e da una ricercatrice della Facoltà.Ora sono ufficialmente una startupper.
Non è che con questo primo risultato io abbia risolto tutti i problemi ma è stato un grande passo in avanti.
Anzi un balzo ,che quasi non mi sembra vero che possa essero successo.
Questa soddisfazione mia intima la posso condividere solo con me stessa.
E devo dire che in fondo sono abituata ormai a lottare da sola.
Ci sono alcuni,sapete com’è la vita, che forse avrebbero preferito che rimanessi sempre a nuotare nelle acque basse , un po’ melmose.
E poi penso a tutte quelle volte che ho tenuto duro ,che sono rimasta in silenzio dinanzi a certe parole o affermazioni che mi  davano la sensazione di non valere piu’ nulla.Ecco perchè non esulto,ma credo intimamente sempre piu’ in me e ascolto con piu’ amore quella nube di silenzio che mi circonda poichè sempre di piu’ percepisco che sia popolata di angeli che pregamo per me.

 

 

 

Ma che ci facciamo noi qui sulla terra?

dove_siamo

Cari mamma e papà,
quando mi guardo attorno e leggo i giornali, e sento alcune notizie alla televisione,forse mi rendo conto che Voi siete giunti in un luogo migliore di questo.
E riesco persino ad essere felice per voi.
Ho messo violette nello sfondo di questo blog che è un po’ come una terra di mezzo tra voi e me. Io qui dimentico di essere sulla terra e ho la sensazione ,quando scrivo, di volare verso di voi.
Mi piacerebbe tanto sapere se lassu’ c’è davvero il paradiso .Se state vivendo un momento di serenità dopo tanti periodi di sofferenza.
Se fosse davvero cosi’ allora credo che la morte sia migliore di quel che credessi.
Qui sulla terra sto toccando con mano che l’inferno esiste e che gli uomini si comportano come  belve feroci.
Non mi piace molto qui ,ve lo dico con la massima sincerità.