Pensavo…

La vita comincia quando si impara a mettersi in gioco

DDfZLvDWsAAka_j

Annunci

QUESTA MATTINA ALLE POSTE

QUESTA MATTINA ALLE POSTE

Alle poste per ritirare una raccomadata
Dietro di me un ragazzo nero. Non funzionava il numeratore per cui ci guardiamo in faccia e lui dice io sono l’ultimo.
Quindi priima di lui ci sono io che ero entrata poco prima di lui.
Arrivato il mio turno mi salta davanti e dice che tocca a lui. Tutti in silenzio.
Io gli dico ….come?
Si ….ci sono io prima di te
Intanto quello dietro al bancone mi fa dei segni strani . Come per dire lascia perdere.
Ho respirato profondamente e gli ho detto..si va bene ci sei prima tu.
Ma lui voleva provocare e ha continuato insistendo.
Si va bene hai ragione tu ..tanto non cambia niente.
Ho risposto.
Pero’ le balle mi giravano a duemila.
Quando se ne è andato l’inserviente delle poste mi ha detto che lo fanno quasi sempre..apposta per provocare.Per quello mi ha suggerito di tacere.
Cavoli …ma se andiamo avanti cosi’ a tacere dove andiamo a finire…???
Questa mattina mi è davvero venuta voglia di andarmene via dall’Italia…

La mia anima a nudo

La mia anima a nudo08-schiele_-_schwarzhaariger_madchenakt_stehend_-_1910-1

Ascoltando una canzone in macchina il potere delle parole e della musica assieme mi hanno fatto improvvisamente uscire da una dimensione un po’ troppo reale della mia vita.
I problemi di tutti i giorni,qualche contrarietà mi hanno allontanato dalla mia anima.La mia anima romantica si era un poco inaridita ….lo ammetto.
Poi un insieme di coincidenze ed eccomi… ancora ….semplicemente un poco piu’ umana.
Mi commuovo per poco e a volte mi sento allegra e non so perchè.
A volte ringrazio il Signore per non so quale ragione.
Forse perchè semplicemente sto ricominciando a vivere anche affrontando la vita con tutti i suoi alti e bassi.
Ed il cuore mi si scioglie anche solo ascoltando una bella canzone.

 

Un saluto da Babbo Natale

 

15672825_1255243681212664_2895821919570879335_n

Babbo natale e’arrivato da me questa notte.
Abbiamo chiacchierato’.Si e’fermato, Non era cosi’indaffarato come tutti gli altri migliaia di anni.
Il suo sacco a meta’notte era gia’quasi vuoto. Non ci sono piu’i bambini di una volta.Mi diceva.Sono piccoli e grandi. Hanno pochi anni ma hanno gia’sulle spalle un grande fardello di preoccupazioni.Per questo non credono piu’a Babbo Natale. Diventano grandi troppo in fretta.
E quando diventano grandi vorrebbero tornare bambini e credere ancora alla magia del Natale…ma ormai e’tardi.
Povero Babbo Natale era in crisi anche lui.
Se ne e e’andato con le sue renne un po’spelacchiate e magre.
Buon Natale a tutti i grandi che vorrebbero tornare bambini!!!

I segreti dell’anima

Ho scoperto tantissime cose di me che non sapevo.

Quante volte mi ritrovo estranea persino a me stessa!!

Un senso di pudore ,forse.

Rimango un mistero.

Se non fosse per quegli appunti scritti di notte non mi riconoscerei .

La mia anima è come una stanza ,chiusa a chiave ,entro la quale credo che in pochissimi siano riusciti ad entrare.

Elargisco sorrisi, ma non regalo la mia anima con naturalezza.

Ultimamente non faccio che dire addio.

 

l’Arte e la primavera

La primavera è in se’ un’ arte che Emil Nolde sa cogliere perfettamente.
Io cerco di coglierne il profumo,almeno spero.

emil-nolde-mohn-und-sonnenblumen

La primavera dell’anima è un sentimento che si puo’ esprimere solo con i colori ,e la pittura in questo mi aiuta. E’ ogni volta una scoperta di me stessa ,e la tela parla di me.

Credo che sia un dono che ho ricevuto inaspettato. Non importa se poi cio’ che dipingo possa piacere o no.

Quando dipingo i soggetti che scelgo sono quasi sempre l’espressione di cio’ che vorrei essere e non quella che sono e di solito sono ragazze giovani ,con gambe ben tornite  e vagano in ambienti che ricordano la mia gioventu’,che forse non ho mai veramente vissuto.Ai miei tempi si lavorava presto e le responsabilità ci hanno prestissimo rubato la serenità.

Questa primavera appena iniziata  e frizzantina mi ispira con i suoi colori ed oggi, che è domenica  ,apriro’ il cavalletto e dipingeo’ parole colorate senza che il tempo possa scalfire cio’ che dentro di me deve ancora vivere.

 

Una pausa

cropped-cattura-jlaura.jpg

Ho pensato di  fare una pausa da me stessa.

Non è una pausa di riflessione. In questi ultimi tempi ho riflettuto su tutto,

anche troppo.

Ho invece bisogno di non riflettere, al contrario.

Ho bisogno di fare spazio attorno a me.

Desidero respirare con leggerezza senza pretendere troppo da me stessa.

Se sono arrivata a questa conclusione credo che sia dovuto al fatto che sono finalmente riuscita a buttarmi dietro le spalle il mio passato.

Non credevo fosse veramente possibile .

Eppure ce l’ho fatta.

Non credo di poter descrivere il momento esatto in cui è successo tutto cio’.

E’ stata una frase,uno sguardo e mi sono vista dentro.

Ho visto l’altra me che senza pietà mi riportava sempre a quegli anni che mi hanno segnata interiormente.

Ho visto  tutte le mie ferite aperte che non avevano piu’ un senso logico di essere .

I ricordi che fanno male  ti impediscono di vivere.

E’ in quel momento ho capito.

L’altra me all’improvviso è sparita ,se ne è andata con tutti i suoi drammi, i suoi perché ,le sue pene.

Sono rimasta io qui piu’ leggera e anche un po’ stanca.

 

Piano Piano

webcam-toy-foto24 (4)

Finalmente sto tornando alla normalità.Piano piano.
Non è stato facile ,ve lo assicuro.
Il caldo atroce di quei giorni e tutto il resto mi hanno stancata non poco.
Eppure ce l’ho fatta.
In questi giorni ho percorso a ritroso tutta la mia vita.
Bastava aprire un cassetto e riaffioravano i ricordi.
Non tutti belli ,non tutti felici.
Ci vuole forza e spesso sembra di non averne piu’.
Ma in fondo la vita è anche questo . Lottare per raggiungere una meta che non sempre ci è cosi’ chiara.
In certe cose non ci sono mappe ne’ indicatori stradali.
Bisogna viaggiare con la nostra bussola ,quella del cuore per primo e quella della ragione …poi.
Ed io cosi’ ho fatto da circa tre anni a questa parte.
A volte mi sono sentita come in un deserto a volte senza via di fuga ho cercato la rotta quando mi sembrava persa.
Ho fatto leva solo sulle mie forze poichè non sempre si trovano alleati o diciamo cosi’, compagni di viaggio.
Oggi sono in questa casa nuova che pero’ somiglia moltissimo a quella che ho lasciato.Sembrava che mi stesse aspettando ed io credo di averla cercata per tutta la vita.

SIAMO PRONTI A COMBATTERE ?

SIAMO PRONTI A COMBATTERE.

Che paese del cavolo l’Italia.
Un governo (g) che segue tutte le guerre degli altri come se fosse un esperto di strategie militari,che invece invoca la vendita degli F35, perchè è convinto fino all’osso che il dialogo sia la cosa migliore in ogni situazione, improvvisamente si accorge che a pochi chilometri di mare dai nostri confini, un esercito di tagliagole crudeli ci ha dichiarato guerra.
E cosa risponde!!
Siamo pronti a combattere …per bocca del ministro degli affari esteri Gentiloni ,che per il nome stesso , non farebbe paura nemmeno a una mosca.
Mentre tuitta l’Italia festeggia anche sui social S .Valentino e San Remo.
Ma in che mani siamo finiti…e che sarà di noi.
E quando, sopratutto ,si sveglieranno per guardare davvero in faccia alla realta?
Io sono preoccupata.Naufragio